Eh sì! Dobbiamo ammetterlo che la paura e l’angoscia per il coronavirus ha influenzato inevitabilmente il modo di fare la spesa per molte persone!

Nonostante gli appelli del Governo e delle amministrazioni locali a non farsi prendere dal panico negli scorsi weekend si è registrato un aumento della spesa per prodotti alimentari freschi e trasformati tra il 5% e il 10%, secondo il monitoraggio della Coldiretti nei mercati di Campagna Amica.
Intanto la stessa Coldiretti ha annunciato che i rifornimenti di frutta e verdura sono e saranno garantiti dagli agricoltori in tutte le aree del Paese con i mercati generali all’ingrosso che sono aperti e funzionano regolarmente in tutte le regioni.

coronavirus-spesa-longeva

Il nostro consiglio, oltre a quello di seguire le indicazioni e i consigli dati dal Ministero della Salute, è quello di utilizzare sempre anche un po’ di buon senso: inutile la corsa per fare scorta di prodotti magari freschi (latte fresco, pane, carne, pesce, prosciutto, ecc.) con il rischio poi di non consumarli prima della scadenza, ma eventualmente se proprio non resistete alla spesa limitatevi a riempire la dispensa di prodotti alimentari a lunga conservazione, in modo da acquistare quotidianamente o settimanalmente i prodotti freschi evitando cosi anche di stare troppo tempo in luoghi molto affollati.

Ecco allora un elenco di cibi che potreste acquistare per tenerne una scorta in casa:

  • pasta (quella che preferite lunga o corta, liscia o rigata),
  • riso e/o couscous,
  • legumi in secchi o in scatola,
  • sostituti del pane: dai cracker ai grissini oppure i taralli o friselle,
  • latte a lunga conservazione,
  • carne in scatola (ad esempio manzo e/o pollo),
  • pesce in scatole (tonno, sgombro ed alici),
  • sottolio e sottaceti,
  • aglio e cipolle,
  • spezie,
  • passate di pomodoro,
  • biscotti,
  • marmellate,
  • olio ed aceto,
  • carote e patate (che possono durare a lungo se conservate con le giuste precauzioni),
  • sale e zucchero non possono mancare,
  • caffè e miele,
  • cacao amaro e cioccolata fondente,
  • frutta secca (Noci, mandorle, fichi e prugne che hanno anche tante qualità nutrinazionali)

Ovviamente si deve sempre rispettare il principio secondo cui i generi alimentari devono essere conservati in un luogo asciutto, fresco e al riparo dalla luce.

Alcuni di questi prodotti una volta aperta la confezione o avanzati dopo il pasto vanno riposti in frigorifero e in questo caso bisogna sempre leggere con attenzione le indicazioni riportate in etichetta, e cercare di consumare il prodotto entro breve tempo.

Utilizzare contenitori ermetici per riporre alimenti con confezioni non richiudibili: manterranno più a lungo la freschezza e dare una passata con la carta assorbente sulla parte superiore delle lattine, per evitare che all’apertura si verifichino possibili contaminazioni del contenuto.

Buona spesa e ricordate… il buon senso non si compra!

Categorie: NOTIZIESALUTE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *